Grazie alla regione si faranno lavori per 53.000 euro per sistemare i sentieri escursionistici nel Parmense.

Dei 300.000 euro stanziati in tutta la regione, 53.000 arriveranno a Parma per la manutenzione della rete escursionistica. Gli interventi si occuperanno del diradamento della vegetazione e della segnaletica. Principali destinatari Unioni dei Comuni e Comuni.

La Regione continua ad investire sul turismo lento.

Forse pochi i progetti presentati dal parmense vista l’estensione del suo territorio appenninico rispetto ai finanziamenti ottenuti da altre province con territori provinciali, soprattutto appenninici, ben più contenuti.

Sicuramente molto più capaci di chiedere finanziamenti i comuni della provincia di Modena. Infatti la provincia di Modena  ha avuto la parte del leone, in questo finanziamento, con 65.000 euro ottenuti, nonostante un territorio ben più contenuto di quello parmense

Cascata delle Aquile val Ceno, Torrente Lecca, Appennino Parmense, Bardi

Di seguito il comunicato stampa della Regione

“Settanta gli interventi, in particolare nelle aree appenniniche e nei parchi, per offrire sentieri sicuri e funzionali ai sempre più numerosi appassionati di trekking. Accolte tutte le domande presentate

 Dal diradamento della vegetazione alla  manutenzione della segnaletica.  Ammontano a oltre 300 mila euro le risorse stanziate dalla Regione per finanziare 70 interventi di manutenzione della rete escursionistica regionale, presentati da Comuni e Unioni di Comuni.

Quasi 2.800 chilometri di percorsi in montagna, ma non solo, tra cui oltre 100 riguardano l’Alta Via dei Parchi l’itinerario appenninico che si snoda attraverso numerose aree protette sul crinale tra Emilia-Romagna, Toscana e Marche.

È questo l’esito del bando uscito la scorsa primavera con cui la Regione prosegue il proprio impegno per offrire ai sempre più numerosi appassionati di trekking o anche di semplici passeggiate fuori città sentieri sempre più sicuri, funzionali e piacevoli da percorrere.

“Con questo bando la Regione è a fianco di Comuni e Unioni di Comuni  nella manutenzione della rete escursionistica regionale. Contribuendo a sostenere un lavoro di cura  indispensabile per garantire la piena fruizione  delle tante bellezze naturalistiche e paesaggistiche dell’Emilia-Romagna e sostenere quel turismo lento che rappresenta un’importante opportunità soprattutto per i  territori appenninici – spiega l’assessora regionale alla Montagna, parchi e forestazione Barbara Lori -.  Un impegno che quest’anno ci ha permesso di accogliere non solo tutte le domande arrivate, ma anche di recuperare alcune domande che nel 2021 non era stato possibile finanziare per esaurimento dei fondi disponibili”.

Gli interventi per provincia

La ripartizione sul territorio  delle risorse (nel dettaglio 311.412 euro) vede assegnati 55.766 euro a 14 Comuni in provincia di Piacenza; 22.419 a 5 Comuni in provincia di Parma;   53.160 euro a 13 Comuni in provincia di Reggio Emilia. Nel Modenese gli interventi finanziati  sono 15 per 65.401 euro, nel Bolognese 11 per 59.650 euro, nel Forlivese Cesenate 7 per 27.564 euro. Infine, in provincia di Ravenna è stato presentato un intervento che ha ricevuto 7mila euro e in quella di Rimini  4, cui sono stati assegnati 20.450 euro.”

 

Lascia un commento