Progetto WEEE4FUTURE: sensibilizzazione sulla raccolta dei rifiuti elettrici ed elettronici

Partito il progetto di sensibilizzazione sulla raccolta dei rifiuti elettrici ed elettronici e dei rifiuti da pile e accumulatori portatili nell’I.I.S.S. Carlo Emilio Gadda di Fornovo di Taro e nell’I.I.S. Zappa-Fermi di Borgo Val di Taro, promosso dal Consorzio RLG, sistema collettivo attivo nel settore dei R.A.E.E. e delle Pile ed accumulatori, in collaborazione con dss+, società di consulenza, supportato e sponsorizzato da Montagna 2000 S.p.A.

Grazie al progetto WEEE4FUTURE, gli studenti impareranno perché è importante selezionare e recuperare rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche e pile, da cui è possibile ricavare materie prime preziose che possono essere immesse nuovamente nel circuito industriale nell’ottica di una economia circolare.

Gli studenti potranno portare nei propri istituti scolastici RAEE di piccole dimensioni e pile che saranno raccolti in contenitori dedicati e successivamente avviati a riciclo in impianti specializzati.

“Sensibilizzare le nuove generazioni al recupero dei rifiuti elettrici ed elettronici è molto importante – ha dichiarato Emilio Guidetti, direttore generale di Montagna 2000 S.p.A.. I RAEE hanno visto un calo dei flussi di raccolta nel 2022 ma hanno un tasso di recupero di materia ed energia di oltre il 90% e sono fonte di importanti materie prime che, se recuperate, fanno bene all’ambiente e all’economia. 

L’aumento del tasso di riciclo di tali rifiuti comporta anche una mancata immissione in atmosfera di anidride carbonica e un notevole risparmio energetico. Inoltre, i rifiuti elettronici possono contenere materiali pericolosi che nuocciono alla salute dell’ambiente e delle persone e pertanto vanno raccolti separatamente”. 

Lascia un commento