Tolentino: dopo la donazione della LIM alla Scuola, la delegazione di fornovesi torna con il pieno di belle emozioni.

 

Sabato 11 marzo una delegazione di fornovesi in rappresentanza delle associazioni:  Croce Verde, Avis e Nuotatori è partita verso le 6:00 per raggiungere Tolentino uno dei paesi colpiti da sisma dell’ottobre dello scorso anno.

Il legame tra i due paesi nasce dal rapporto instaurato dai volontari fornovesi, arrivati la settimana dopo il sisma  per portare il loro aiuto alla popolazione.

Dopo la toccante esperienza è nata la volontà di dare un aiuto concreto. Si è così deciso di donare una LIM (lavagna interattiva multimendiale) alla scuola.

Le tre associazioni hanno rapidamente raccolto i fondi ed hanno deciso, per sostenere in piccolo l’economia di Tolentino, di comprare in loco lo strumento didattico, qualche tempo la consegna è avvenuta senza nessun fornovese.

Ma l’istituto comprensivo G Lucatelli, attraverso la sua dirigente ha fatto sapere che voleva ringraziare di persona i rappresentati di Fornovo.

Da qui la decisione di partire con un delegazione composta da:  Francesca Bagni (vice Presidente) , Giampiero Mannis, Monia Biolzi, Davide Serventi, in rappresentanza della Croce Verde Fornovese;  Luciano Tartari in rappresentanza dell ‘Avis e Fausto Pesci  in rappresentanza dei Nuotatori Fornovo.

Dopo  più di 4 ore di viaggio sono arrivati nel comune del maceratino dove hanno ricevuto un accoglienza che li ha commossi:

la lezione di LIM da parte degli alunni della scuola, la donazione di alcune poesie con dedica scritte dagli stessi alunni, il rinfresco da nell’ufficio della preside, poi una serie di visite,saluti ed il pranzo presso la mensa dei moduli abitativi.

 

La giornata si è conclusa con un salame ed una bottiglia di vino condivisi, su un tavolino allestito in fretta e furia davanti alla chiesa del Santo Spirito, con il parroco del don Sergio.
Un parroco molto attivo durante le fasi dell’emergenza. ….  un parroco “vivo, fantastico, un bomber”, secondo le parole di un componente della delegazione  …un parroco con cui valeva la pena condividere  due fette di salame ed una bottiglia di vino prima di tornare a Fornovo con il pieno di: ricordi, pensieri, emozioni e qualche lacrima.

 

 

Lascia un commento