Gadda Fornovo ricordo Foibe: è stato un delitto

_Q1A2604-2 lab copia
IIS Gadda di Fornovo, Mercoledì 10 febbraio Giornata del Ricordo delle Foibe.

A una settimana dall’incontro con il Prefetto sulla Giornata della Memoria, le classi dell’indirizzo informatico dell’Istituto Gadda di Fornovo, affrontano La Giornata del Ricordo con nuovi approfondimenti storici.

Dalla Shoah alla pulizia etnica, prodotti finali dei Nazionalismi e dei regimi totalitari.

“Le Foibe sono state un delitto” le parole chiare e dure del generale Silvio Mazzaroli nell’incontro in Aula Magna con gli studenti della Scuola. Direttore del giornale L’Arena di Pola, Mazzaroli ha speso una vita a cercare di far ritornare gli esuli alla sua Pola, non come semplici turisti.

Una polizia etnica effettuata dai partigiani Jugoslavi e non solo (esecutori), voluta dal regine filo-sovietico di Tito (mandante), con lo scopo di mandar via la gente di lingua Italiana dai territori d’Istria e gran parte della Venezia Giulia (motivazione).

Scottanti verità politiche tenute nascoste per decenni. Italiani contro Italiani. Una terra trasformata in pochi anni da paradiso a inferno. Gente portata via, in balia del terrore, sofferenze subite di giorno dai soldati tedeschi, e di notte dai partigiani.

Ottimi i lavori delle classi 3°B, 4°A, 5°A indirizzo informatico e telecomunicazioni, in particolare l’editing del video
– GENOCIDIO SREBRENICA di Angela Bertoncini e Maryam Zahidi

coadiuvati dalle prof. Natalia Vicini, Francesca Canrossi e Katiuscia Vammacigna:

– VIDEO ISTITUZIONALE di Tommaso Arpiosi, Alessia Elli, Tommaso Pesci,
Gino Giona, Yliess El Hany.
– EVOLUZIONE DEL CONFINO ORIENTALE di Cristian Ghiorzi, Michele Maraffi, Mounir Calì, Wael Ben Nejma.
– GEOLOGIA DELLE FOIBE di Fabio Montanaro, Sara Bertoli, Lorenzo Serenari, Paolo Cordani
– LESSICO DEL RICORDO di Simone Squicciarini, Matteo Carpana, Nicole Tambini, Alessandro Babbini
– HISTORIA, MAGISTRA VITAE di Maryam Zahidi
– 10 FEBBRAIO DESTINAZIONI PROFUGHI di Mariem Baraoumi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *