3 truffe in alta val Taro. “Infissi”, “affitti” e “motosega” fruttano ai truffatori quasi 7000 euro e 3 denunce

Denunciate, dai Carabinieri della Stazione di Borgo Val Taro, tre persone per diverse truffe.

Il primo è un 30enne romeno che propostosi come intermediario per l’acquisto di infissi in Romania da far arrivare in brevissimo tempo, in un periodo storico in cui c’è carenza di materie prima e le ordinazioni tardano ad arrivare è riuscito a farsi consegnare la somma di 6.000 euro quale acconto per poi rendersi irreperibile.

Denunciato un 20enne ucraino ma residente stabilmente in Italia, poiché si proponeva come intermediario per l’affitto di una abitazione senza esserne il proprietario. Il ragazzo, dopo essersi fatto consegnare la somma di 500 euro, quale caparra confirmatoria, si dileguava.

L’ultimo è un 55enne calabrese che, dopo aver messo in vendita online una motosega e concordato il prezzo di 350 euro, si faceva pagare l’acquisto con una ricarica PostePay senza però mai consegnare la motosega.

Lascia un commento