Parma, ladro 22enne tenta la fuga ma si ferisce infilzandosi con le punte di una cancellata: arrestato

Nella mattinata di ieri, i Carabinieri dell’Aliquota Radiomobile di Parma, impegnati nei consueti servizi di pronto intervento, volti a prevenire e reprimere ogni forma di reato, in particolare quelli contro il patrimonio e quelli relativi allo spaccio di sostanze stupefacenti, hanno tratto in arresto per furto in abitazione un 22enne albanese, già gravato da vari precedenti di polizia ed irregolare sul territorio nazionale.

Il giovane, nel corso della precedente serata, tra via Corini e via Paradigna, unitamente ad altro soggetto datosi alla fuga, previa effrazione, si introduceva all’interno di due abitazioni, i cui proprietari al momento erano assenti ed all’interno delle quali, dopo averle messe a soqquadro, asportava denaro contante.

Durante la fuga, avvenuta frettolosamente in quanto probabilmente disturbato da alcuni vicini che avevano notato i movimenti sospetti e dato l’allarme, il ladro, mentre cercava di scavalcare la recinzione delle predette abitazioni, si feriva, rimanendo infilzato ad una delle punte della cancellata.

Il soggetto, nonostante la copiosa perdita di sangue, tentava comunque di allontanarsi, ma dopo alcune decine di metri, sopraffatto dal dolore, si accasciava a terra, non prima però di aver occultato sotto una siepe, presente nelle vicinanze, una borsa contenente vari arnesi da scasso e la refurtiva asportata.

I militari dell’Arma prontamente giunti sul posto, per prima cosa prestavano soccorso all’uomo unitamente al personale dal 118 intervenuto, che provvedeva a trasportarlo presso questo ospedale “Maggiore”, ove si trova tuttora ricoverato.

I successivi accertamenti investigativi permettevano di ricostruire l’accaduto: i militari dell’Arma, a seguito delle testimonianze raccolte e di un accurato sopralluogo nella zona, risalivano alle abitazioni prese di mira dai ladri, appuravano il luogo del ferimento del fermato e recuperavano la borsa con gli arnesi da scasso e il denaro rubato.

Le ulteriore indagini permettevano di identificare compiutamente il giovane, che era privo di qualsiasi documento, appurando che lo stesso ha già precedenti di polizia, che risulta attualmente gravato dal divieto di dimora nella provincia di Parma  e che lo scorso aprile era stato espulso dal territorio italiano con accompagnamento alla frontiera albanese con vettore aereo.

Il ladro è stato quindi arrestato per i reati di furto in abitazione, falsa dichiarazione a un Pubblico Ufficiale sulla propria identità e per aver fatto illegalmente rientro nel territorio italiano entro 5 anni dall’espulsione.

Al momento delle dimissioni dall’Ospedale, per lui, come disposto dall’Autorità Giudiziaria competente, si apriranno le porte del carcere di via Burla.

Proseguono le indagini per giungere all’identificazione del complice che nel frattempo si è dato alla fuga.

Il Comando Provinciale Carabinieri di Parma, rinnova l’invito a tutti i cittadini di segnalare prontamente al numero di emergenza “112” qualsiasi situazione sospetta a cui si assista che possa far ritenere in corso furti ed altri reati predatori, specie in questo periodo di vacanze estive, durante le quali, molte abitazioni restano incustodite e più facilmente aggredibili.

 

Lascia un commento