Arma non legalmente detenuta e maltrattamenti ai familiari: figlia denuncia uomo campano

I carabinieri di Fidenza nella giornata di ieri hanno denunciato un 50enne campano residente nel territorio di melesano, per maltrattamenti in famiglia e detenzione di armi non denunciate. Il tutto è scaturito dalla denuncia della figlia, ormai adulta, stanca delle vessazioni subite nel corso degli anni che, recentemente l’avevano convinta a lasciare la casa famigliare e trovare dimora nel fidentino.

Durante la redazione degli atti, i militari, nel tentativo di delineare con la massima precisione i confini del pericolo incombente sulla denunciante, sono venuti a conoscenza della possibile detenzione, da parte dell’uomo, di armi da sparo. Gli immediati approfondimenti investigativi hanno dato riscontro positivo in quanto il soggetto, pur non risultando possessore di armi legittimamente detenute, era stato notato dal vicinato, in molteplici occasioni, sparare in aria a Capodanno o per particolari ricorrenze.

Come previsto è stata immediata effettuata una perquisizione domiciliare d’iniziativa, durante la quale hanno rinvenuto una pistola “scacciacani”, con numerose cartucce a “salve”, priva del tappo rosso oltre ad una ventina di cartucce calibro 6,35, questa volta del tutto vere per pistola semi-automatica. L’uomo, per giustificare il possesso di quanto rinvenuto ha raccontato di un non meglio lascito famigliare, mai riferito alle autorita’.

L’arma e le munizioni sono state sequestrate, e alla denuncia per maltrattamenti in famiglia si è aggiunta quella per detenzione di munizioni non denunciate.

 

Lascia un commento