Violentissimo l’impatto che ha strappato Mirco all’affetto dei suoi cari

 Violentissimo l’impatto che ha tolto  la vita a Mirco Gregorio questa notte a Piani di Riva nel comune di Varano de’ Melegari. 

 Il  Giovane trentaciquenne con radici boresi, era tornato a vivere a Parma da circa 2 anni, nella zona di Vicofertile. Continuava ad amare ed a tornare nella sua Bore, paese di origine della mamma che appartiene alla famiglia Zermani, una delle famiglie storiche della val Cenedola. 

 Erano passate da poco l’ 1:30 di sabato 14 settembre quando la Golf, guidata da Mirco,   è andata a sbattere violentemente contro un grosso albero nell’argine della strada lungo il rettilineo  tra Viazzano e Varano de’Melegari.

Immediato é scattato l’allarme.  La centrale operativa  118 ha inviato sul posto automedica e ambulanza della Croce Verde fornovese ed  un mezzo dei Vigili del Fuoco da Parma.

 I sanitari in pochi minuti sono arrivati sul posto ma la situazione è apparsa subito DRAMMATICA. L’auto era un ammasso di rottami contorto attorno il grosso albero.

 Medico e volontari della Croce Verde di Fornovo e vigili del fuoco hanno fatto di tutto per cercare di salvare la vita al 35enne ma purtroppo, dopo diversi tentativi, non hanno potuto far altro che constatarne il decesso. 

Le immagini che vedete di seguito danno l’idea del impatto. La grossa gaggia, con circonferenza di più di un metro e diametro di quasi 40 cm, é piegata e spezzata. Non é caduta al suolo solo perché si é appoggiata ad  un altro albero

 Attorno rottami ed olio motore della wolkwagen  di Mirco. 

 Sul posto per gli accertamenti di legge una pattuglia della Polizia Stradale di Parma. 

 Dalle prime ipotesi potrebbe essere stato un malore o un colpo di sonno la causa dell’incidente. Infatti non erano presenti sul luogo né altri autoveicoli né segni di frenata.

Inoltre l’auto, che procedeva in direzione Bore, é andata a sbattere  dall’altra parte della carreggiata evitando di poche decine di centimetri la pensilina degli autobus. 

Lascia un commento