“L’ultimo specchio” la favola politica di una bambina di nome Lunezia

«L’Ultimo specchio», libro di Nicla Ghironi

Il sogno dell’Emilia lunense, l’ipotetica nuova regione che dovrebbe raggruppare territori toscani, liguri, lombardi ed emiliani, sogno dell’indimenticato onorevole Giuseppe Micheli, una ventina d’anni fa tornò alla ribalta con l’estroso nome di «Lunezia».

È di alcuni giorni fa la notizia di un importante e affollato incontro svoltosi a Lerici, presieduto da Rodolfo Marchini, leader dell’associazione «Lunezia». Ma c’è di più. La giornalista scrittrice Nicla Ghironi ha scritto un libro, « L’Ultimo Specchio», che trae lo spunto proprio dal fascinoso territorio geografico e politico mai nato, ma che, tra sogni, progetti, riunioni e speranze, è giunto fino ai nostri giorni coinvolgendo giornalisti, letterati e studiosi di entrambi i versanti. Tutto ciò ha un grandioso significato.

Evidentemente, le memorie che s’accampano e si arricchiscono nel tempo vogliono mostrare non solo i sensi profondi di un’identità frantumata e desiderosa di ricongiungersi per affinità elettive e per scambi mercantili, ma anche suggeriscono sostanziose potenzialità attuali sia sotto il profilo politico che culturale ed economico.

I protagonisti del libro della Ghironi sono una bambina di 5 anni di nome Lunezia, un gruppo di bambini globali, tra i quali, Lunezia sceglie 4 ministri: quello dei Sassi, quello della Matematica, quello della Terra e quello dell’Arte della musica e della poesia che hanno il compito di amministrare una città immaginaria. Gli altri protagonisti sono le gloriose Alpi apuane e gli Specchi, idonei a mostrare le realtà antiche e moderne di cui l’uomo è artefice nei vari Paesi.

Il libro non s’avvale di una narrazione tradizionale (la scrittura della Ghironi è assai diversa dal contesto letterario cui siamo avvezzi), ma è sostanziato da una serie di flash atti ad illuminare determinate tematiche che invitano il lettore ad interagire in prima persona col testo. La scrittura è scarna, ma altamente simbolica, anche attraverso testi poetici. La dedica del libro è rivolta ai bambini, in riferimento al territorio luneziano mai nato. Nel libro l’autrice pone in evidenza non solo la centralità dell’ “apuanità” dentro il territorio luneziano, ma il fascino di altrettanti favolosi territori come il Parmense, il Mantovano, il Cremonese, lo Spezzino.

L’«Ultimo Specchio» è una favola politica dedicata ai bambini futuri, ai quali viene consegnata una memoria antica che suggerisce loro una luminosa possibilità nella creazione di un territorio esemplare. Un libro da leggere, da godere e sulle cui pagine meditare.

L’autrice, Nicla Ghironi, lunigianese doc,fa parte dell’ associazione culturale «Regione Lunezia» che si batte per una nuova, più identitaria e produttiva geografia nel panorama istituzionale italiano, proponendo la nascita, non già della ventunesima regione italiana, ma di una regione europea, sostanziata da criteri politici nuovissimi.

Il libro, corredato da bellissime foto, sarà presentato alla Biblioteca Manara di Borgotaro sabato 23 febbraio alle ore 11.00 dall’avv. Andrea Baldini, uno degli storici fondatori dell’Associazione Lunezia, alla presenza dell’autrice. L’intermezzo musicale sarà affidato a Ludovica e Roberto Vatteroni.

Associazione culturale regione Lunezia

Borgotaro, 12/02/19

Lascia un commento