Medesano. I Carabinieri, intervenuti per una lite condominiale, da un controllo scoprono una errata modalità di custodia della armi regolarmente denunciate che vengono ritirate.

I Carabinieri della Stazione di Medesano hanno denunciato un 63enne del posto, per omessa custodia di armi.

I militari erano intervenuti presso l’abitazione dell’uomo a seguito di una chiamata al 112 per una lite condominiale dovuta a futili motivi, pare su chi dovesse occuparsi della pulizia delle scale, tra la coinquilina dell’uomo ed alcuni vicini di pianerottolo.

I militari, riportata la calma tra le parti, e accertato che vi era stato solo un acceso scambio verbale, effettuavano un controllo in Banca dati, e verificavano che il proprietario dell’appartamento deteneva, regolarmente denunciati, 6 fucili da caccia.

Decidevano quindi di effettuare un controllo sulle modalità di custodia delle stesse, che però risultavano non idonee sotto il profilo della sicurezza, in quanto facilmente accessibili, poiché riposte in un mobile con lo sportello in vetro e posizionato in una stanza della casa di uso comune.

Le armi e le munizioni regolarmente detenute, sono state ritirate in attesa delle decisioni delle competenti Autorità, mentre l’uomo è stato denunciato all’Autorità giudiziaria.

Lascia un commento