Traversetolo: divieto di avvicinamento per i due 18enni che hanno tentato di derubare un 17enne alla fermata dell’autobus

Nei giorni scorsi, i Carabinieri del Comando Stazione di Traversetolo, coordinati dalla locale Procura della Repubblica, hanno eseguito un’ordinanza di misura cautelare dell’obbligo di presentazione alla Polizia Giudiziaria e del divieto di avvicinamento alla persona offesa mantenendo una distanza minima di 500 metri e di non comunicare con lo stesso in qualsiasi modo, emessa dal GIP del Tribunale di Parma, Dr.ssa S. Micucci, nei confronti di due 18enni originari del Senegal e rispettivamente residenti a Noceto e Parma. I giovani, il 6 agosto a Traversetolo si sono resi protagonisti di un furto con strappo di una collana in oro del valore di mille euro nei confronti di un 17enne del paese. Lo stesso in fase di denuncia ha raccontato che mentre si trovava alla fermata dell’autobus in Piazza Fanfulla è stato avvicinato dai due maggiorenni.  Uno messosi di fronte gli ha strappato il gioiello passandolo immediatamente al complice. Giunto il mezzo salivano seguiti dal derubato nel tentativo di riottenere quanto preso. Il giovane con insistenza richiedeva di rientrarne in possesso ma otteneva solo delle piccole maglie d’oro. Insieme ai tre saliva un amico del 17enne che ha assistito allo strappo e che conosce uno dei 18enni. Anche lui ha tentato di far restituire il monile senza riuscirvi.

Il Giudice per le Indagini Preliminari, alla luce degli elementi indiziari acquisiti, sulla base delle dichiarazioni raccolte dal testimone e le individuazioni fotografiche effettuate, ha disposto la misura cautelare dell’obbligo di presentazione alla Polizia Giudiziaria e del divieto di avvicinamento alla persona offesa mantenendo una distanza minima di 500 metri e di non comunicare con lo stesso in qualsiasi modo nei confronti dei due 18enni.

Lascia un commento