LUPI IN VALTARO: intervista al cacciatore che ha perso due cani a causa del lupo

Purtroppo gli attacchi da parte del lupo nei confronti dei cani, appartenenti ai cacciatori sono sempre più frequenti.

Abbiamo intervistato un cacciatore che a causa dell’attacco del lupo ha perso due cani, il quale si è rivolto a autorità politiche affinché la questione possa essere affrontata. Sabato scorso mentre era a caccia, il suo cane  è stato ucciso dai lupi, si trovava nelle zone di Noveglia. Il giorno dopo, invece, ha lasciato libero in zona Tosca un altro suo cane e dopo essere rientrato a casa, tramite il satellitare, ritrova il suo cane anche in questo caso ucciso dai lupi.

A seguito di questi avvenimenti ha fatto richiesta scritta per poter organizzare una riunione con i sindaci e le associazioni interessate, per cercare di  trovare una soluzione in modo tale da salvaguardare anche loro cacciatori .

Nelle nostre zone il cane è molto utilizzato per la caccia e il secondo cacciatore intervistato afferma quanto sia importante la complicità tra cane e cacciatore.

L’ultimo cacciatore intervistato si chiama Gino Marchesi e da molti anni viene a cacciare nelle nostre zone perché nelle zone di Bergamo la caccia con il cane è praticamente impraticabile a causa delle tante strade e ferrovie. Però da un paio di anni si ritrova con un altro problema, sicuramente più impegnativo, ovvero la presenza del lupo.

RETTIFICA. E’ bene precisare che il lupo è ricomparso in Appennino in maniera autonoma e naturale e non perché è stato reintrodotto. Ci scusiamo per aver dato una notizia errate nel precedente servizio riguardo al lupo.

 

CLICCA SULL’IMMAGINE che segue per vedere il servizio andato in onda nel TG di RTA di Parma

VI ricordiamo che il TG va in onda alle ore 19.00 sul canale 89

 

Lascia un commento