Parma: 42enne agli arresti domiciliari poichè conduceva un’attività di spaccio nel suo negozio

Nella giornata di ieri i Carabinieri della Compagnia di Parma supportati dai colleghi del Nucleo Cinofili di Bologna hanno predisposto un servizio coordinato del territorio che ha interessato la giurisdizione di competenza per prevenire e reprimere il fenomeno dello spaccio di stupefacente.

In particolare a Parma, a seguito di attività informativa ed investigativa i militari del Nucleo Operativo hanno controllato un negozio di Via Emilia Est gestito da un 42 enne residente in città, in quanto vi era il fondato motivo di ritenere che all’interno fos

se custodita della sostanza stupefacente. Prima di iniziare il controllo l’uomo è stato invitato a consegnare eventuale sostanza detenuta.  Dopo un’iniziale reticenza ha prelevato, da un forno nel retrobottega, una scatolina di plastica di colore nero contenente diversi grammi di polvere bianca, che, a seguito di narcotest, è emersa essere cocaina e contestualmente ha asserito di non detenerne ulteriore. I militari, non convinti hanno utilizzato il cane che ha rinvenuto altro stupefacente all’interno di un borsello nascosto nel retrobottega. E’ stato sequestrato tutto l’occorrente per il confezionamento in dosi ed un bilancino di precisione. Il 42e

nne è stato tratto in arresto e posto agli arresti domiciliari a disposizione Autorità Giudiziaria.

Ulteriori controlli, effettuati a seguito della stessa attività info-investigativa, hanno consentito di denunciare per detenzione ai fini di spaccio a Parma un 33enne trovato in possesso di diversi grammi di marijuana ed a Corniglio un 26enne trovato con due piante di marijuana e diversi grammi di sostanza.

Al termine della giornata, a seguito dei controlli effettuati nelle aree più sensibili della città, sono statitrovati in possesso di alcuni grammi di stupefacente.

 

Lascia un commento