Premiate per l’impegno contro il Covid-19 tre dipendenti dell’AUSL di Parma. A premiarle il “paziente 1” di Codogno

La  Fondazione Onda premia tre professioniste dell’Ausl per essersi distinte nella gestione dell’emergenza.

Tanti i riconoscimenti in tutta Italia.  Tre donne, tre storie di resistenza e tenacia, tre esempi di sensibilità ed umanità che hanno offerto un contributo fondamentale nella lotta al coronavirus. Sono Elena Mariani ed Alessia Gallicani, Coordinatrici infermieristiche rispettivamente all’Ospedale di Borgotaro e di Vaio e Maria Cristina Davighi, Medico internista della struttura fidentina.

Alessia Gallicani, Coordinatrice infermieristica Ospedale di Vaio (Fidenza)

 

Maria Cristina Davighi, Medico internista. Ospedale di Fidenza

Sono le professioniste dell’Ausl di Parma che, insieme a tante altre di tutta Italia, hanno ricevuto il premio “Donne e Covid-19” di Fondazione Onda (Osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere) . Un riconoscimento voluto per rendere omaggio a chi, in prima linea, ha affrontato sfide professionali ed affettive particolarmente faticose, spesso mettendo a dura prova la loro salute fisica e mentale.
“A distanza di alcuni mesi, dopo gli oltre settanta giorni di degenza mi sento molto onorata del riconoscimento ricevuto – ha ringraziato Maria Cristina Davighi, che ha contratto il covid mentre assisteva i primi pazienti ricoverati all’Ospedale di Vaio – Durante il ricovero ho potuto io stessa apprezzare la competenza, la professionalità e l’affetto del personale che, nonostante l’immane lavoro da svolgere, ha sempre e comunque garantito un elevato livello assistenziale a tutti i pazienti. Voglio idealmente condividere con loro – ha concluso – questo premio.”
“Penso che questo riconoscimento sia rappresentativo di tutto il personale dell’Unità Operativa di Medicina e Cardiologia del “mio” Ospedale – ha invece commentato Elena Mariani – che in un momento così drammatico ha dato prova di grande professionalità ed abnegazione”. Le fa eco Alessia Gallicani, che sottolinea in particolare “l’impegno e le capacità dimostrati da tutto il personale infermieristico e tecnico.”

Elena Mariani Coordinatrice infermieristica Ospedale Santa Maria di Borgotaro

I premi sono stati consegnati nei giorni scorsi da Mattia Maestri, il “paziente uno” di Codogno, testimone e simbolo del prezioso lavoro di queste professioniste. Medico,
infermiera, ostetrica, tecnica di laboratorio e psicologa sono alcune tra le figure sanitarie ad aver ricevuto il riconoscimento, un simbolo che sottolinea quanto la  Preparazione e la professionalità siano, in particolar modo nelle donne, integrate dai valori di altruismo e sensibilità.

Fonte COMUNICATO STAMPA

Lascia un commento