Fino al 23 settembre la “MOSTRICIATTOLA” è visibile a tutti.

 

Sabato 1 settembre – Taglio del nastro, nella mattinata di oggi nella Sala convegni della Rocca Sanvitale di Sala Baganza, per l’edizione 2018 della “Mostriciattola”, l’esposizione dei dipinti realizzati dagli alunni del Corso di pittura e disegno dell’Università Popolare (sezione di Felino) sotto la guida di Luisella Bosi.

Una “Mostriciattola” che ha ben poco di mostruoso, caratterizzata com’è da opere che stupiscono per tecnica e bellezza. All’inaugurazione, alla quale sono intervenuti il sindaco di Felino, Elisa Leoni, l’assessore al Turismo di Sala Baganza, Cristina Merusi, e il presidente della Pro loco salese, Aldo Stocchi, che ha collaborato all’organizzazione dell’evento, tante persone hanno infatti potuto già apprezzare l’impegno e le abilità dei corsisti, alcuni dei quali particolarmente talentuosi.

Luisella Bosi, che ogni anno tiene il corso da novembre a maggio, oltre ad essere una conosciuta pittrice, ha insegnato per anni educazione artistica nella scuola secondaria. Il corso è strutturato su due livelli. Il primo prevede un percorso teorico per l’apprendimento delle nozioni fondamentali del disegno e della pittura con la sperimentazione delle varie tecniche di rappresentazione, per arrivare a realizzare delle opere secondo il carattere e le attitudini di ciascun allievo. Nel secondo, definito “avanzato”, si prosegue nell’apprendimento e nella sperimentazione per arrivare a caratterizzare la propria espressione e raggiungere l’autonomia. La “Mostriciattola” resterà aperta fino al 23 settembre e sarà visitabile dal mercoledì a domenica, dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 18. L’ingresso è libero e gratuito.

Per avere informazioni, anche sui corsi, si può contattare l’Ufficio cultura del Comune di Felino (Pizza Miodini 1), telefonando allo 0521 335949.

 

Inaugurata nella Rocca di Sala l’esposizione dei dipinti degli alunni dell’Università Popolare. Ingresso Fino al 23 settembre. Ingresso gratuito

 

FONTE UFFICIO STAMPA PEDEMONTANA PARMENSE

Lascia un commento