Varano Melegari Luigi Bassi, troppi errori nelle delibere consiliari Lettera al Sindaco Restiani e al Prefetto

 

Con una lettera al Sindaco di Varano Melegari Giuseppe Restiani e per conoscenza al Prefetto di Parma, il Consigliere di minoranza Luigi Bassi protesta per i troppi errori nelle delibere consiliari, e per una maggioranza ritenuta dall’ex Sindaco incapace di confrontarsi in un dialogo aperto e democratico con le diverse idee e opinioni della minoranza.

LA LETTERA

Sono ormai rassegnato all’arroganza e alla superficialità di questa amministrazione. Anche nel Consiglio Comunale del 25 aprile2018, è risultata palese l’incapacità di confrontarsi con chi ha idee e opinioni diverse dalle vostre, non si comprende davvero quale sia ll vostro concetto di democrazia.  Le continue reiterate interruzioni in sede di Consiglio quando intervengo sono il segno di scarsa educazionee mancanza di rispetto.

Dopo aver assistito in questi tre anni, all’insofferenza per il ruolo della minoranza, al dileggio nei confronti di chi dissente, all’indegna mistificazione sull’ operato della precedente amministrazione, non’pensavo di dovermi preoccupare anche delle verbalizzazioni e delle votazioni del Consiglio Comunale.

E’ infatti inaccettabile che sull’albo pretorio siano state pubblicate in data 10 maggio u.s. n. 3 delibere in cui mi vengono attribuiti voti noncorrispondenti alle votazioni fatte.

Mi riferisco alle seguenti delibere:

Delibera n.17  Osservatorio Ambientale Laterlite, nella delibera pubblicata risulta un mio voto contrario quando in realtà il mio voto è stato di astensione;

Delibera n.18 Ratifica atto di Giunta n.31, nella delibera pubblicata risulta un mio voto di astensione quando in realtà il miovoto è stato favorevole;

Delibera n. 19 Approvazione Rendiconto della gestione Esercizio 2017, nella delibera pubblicatarisulta un incredibile voto favorevole, quando in realtà il mio voto è stato contrario;

Non vi è bastato cambiare a maggioranza e con norme discutibili l’articolo del regolamento sulle modalità di verbalizzazione, negando in tal modo ad un consigliere il diritto che dal verbale cartaceo si ricavino i motivi esposti a sostegno del suo voto, addirittura viene stravolto il voto stesso. Con il vostro modo di condurre il Consiglio e per come è impostata la registrazione sul sito del Comune, per un cittadinoche volesse ascoltare la discussione su una determinata delibera, risulta faticoso trovarla così come è arduo capire l’espressione di voto dei singoli consiglieri. Noncredo che questa sia una modalità trasparente per dar conto ai cittadini del lavoro del Consiglio Comunale.

Un Amministrazione attenta e istituzionalmente corretta avrebbe accolto il suggerimento della minoranza sulla necessità di condividere le modifiche al regolamento di funzionamento del Consiglio anziché procedere a maggioranza, con sciocca supponenza e con motivazioni risibili. Forse si sarebbe evitata questa ennesima figuraccia.

Si dirà che è stata una svista, un errore, si faranno le dovute e doverose rettifiche, rimane comunque un fatto grave e inquietante che svilisce il ruolo e l’importanza del Consiglio Comunale e dei suoi componenti.”

 Il Consigliere LUIGI BASSI

Lascia un commento