Sversamento liquami zootecnici non depurati nel fiume Ceno in località “Marena”

[in copertina l’immagine della campagna di sensibilizzazione di due anni fa]

Solignano: Un nuovo sversamento di liquami zootecnici non depurati nel fiume Ceno, nei pressi del ponte che conduce a Specchio, in località “ Marena” nel comune di Solignano << una strana schiuma di colore marrone, dall’odore inconfondibile e insopportabile, ha letteralmente colorato le acque del fiume, è stata notata, da alcuni residenti che hanno subito provveduto a segnalare l’ennesima infrazione: il fatto è accaduto nei giorni scorsi.

Il liquame all’altezza del ponte c’era, aggiunge un residente il mio pensiero è che l’ondata provenga da monte . Nel 2015/2016, il fiume Ceno è già stato al centro di attenzione da parte dei media. Era successo nel territorio di Varsi, nel tratto di fiume compreso tra località Ponte Lamberti e Ponte Vetrioni .

A lanciare l’allarme furono alcuni pescatori che proprio in quella zona, hanno notato un fiume di liquami che colorava le acque limpide del fiume Ceno.” In montagna c’è il vizio di scaricare letame e liquami nei canali quando piove, si tratta di ignoranza e inciviltà.” Il problema dello sversamento di liquami, infatti, oltre che un reato è un vero e proprio attentato all’ambiente, cioè a tutti compreso chi effettua lo sversamento, con conseguenze pesantissime per la natura, e alla lunga anche per l’economia.” Speriamo che le istituzioni, facciano chiarezza sull’accaduto”.

Sappiamo che identificare gli autori del reato non è facile, si chiede alle persone di fare più attenzione, di notare, vigilare e poi segnalare eventuali azioni.

 

Erano ormai più di due anni che non si segnalavano episodi di questo genere. 

Di seguito gli altri nostri articoli sul tema

 

Lascia un commento